Evan Penny: iperrealismo di creta, gomma e silicone

Back of Danny #1 - 2007 - Evan Penny

Iperrealismo distorto quello di Evan Penny, artista sudafricano residente in Canada rappresentato dalla galleria Sperone Westwater, che realizza sculture a figura umana. In alcuni casi le figure si ispirano alla realtà, in altri sono frutto della memoria e della percezione. Impossibili da distinguersi.

Sculture di Evan Penny
Back of Danny #1 - 2007 - Evan Penny
Aerial - 2005 - Evan Penny
Aerial #2 - 2006 - Evan Penny

Back of Evan #3- 2006 - Evan Penny
Back of Kelly - 2005 - Evan Penny
(Old) No One#4 - 2005 - Evan Penny
(Old) No One #6 - 2005 - Evan Penny
(Fat) No One #7- 2006 - Evan Penny
No One #14 - 2005 - Evan Penny
Penny #1 - 2007 - Evan Penny
Gerry #2 - 2004 - Evan Penny

Penny usa tanto il digitale quanto il lavoro manuale. Le sculture sono di creta, gomma e silicone, che poi l'artista dipinge, aggiungendo i particolari dalle borse sotto gli occhi, alle occhiaia, rughe e capelli fino agli abiti realizzati su misura. Un lavoro che richiede molto tempo e pazienza.

Penny lavora anche per il cinema, dove si occupa degli effetti speciali visto l'uso che fa di creta e silicone.

  • shares
  • +1
  • Mail