Giuseppe Veneziano. Fiabe, supereroi e politici come provocatori cartoon


Se Velasquez avesse conosciuto Biancaneve come l'avrebbe dipinta? Così la immagina Giuseppe Veneziano, siciliano, che molti ricorderanno per il suo provocatorio ritratto di Oriana Fallaci decapitata.

E provocatoria e dissacrante è l'intera sua produzione, di cui Veneziano offre in questi giorni un saggio nella personale intitolata"La Rivoluzione d'agosto", presso lo Studio Fioretti di Treviolo (BG), fino al 18 gennaio, in cui espone una raccolta di inediti.

Cronaca, fumetti e storia dell'arte sono i modelli che possiamo riconoscere sulla superficie di questi grandi acrilici, colori squillanti stesi in maniera compatta e netta, dove incontriamo personaggi storici (Lenin), di fantasia (Biancaneve), religiosi (Cristo e la Madonna) e politici (Berlusconi e la regina Elisabetta), supereroi antichi e moderni (Superman, l'Uomo Ragno ed Harry Potter), artisti (Cattelan e Koons) e tanti altri.

Le opere di Giuseppe Veneziano


Tutti sono calati in circostanze paradossali e grottesche, per tracciare una geografia contemporanea fatta di sogni, paure, bugie, erotismo, illusioni e consumismo, per sciogliere il velo di falsità diffuso dai media e per smascherare falsi miti vecchi e nuovi.






  • shares
  • +1
  • Mail