Torna a casa dopo 10 anni la vera 'Odalisca in pantaloni rossi' di Matisse

Recuperata \\\'L\\\'Odalisca in pantaloni rossi di Matisse\\\'

Era sparita dal Museo de Arte Contemporaneo de Caracas Sofia Imber (MACCSI) senza che nessuno se ne accorgesse quasi dieci anni fa l'Odalisca in pantaloni rossi, un dipinto di Henri Matisse del 1925. È stata ritrovata la setimana scorsa in Florida dall'FBI, che ha arrestato una coppia di residenti a Miami, Pedro Antonio Marcuello Guzman e Maria Martha Elisa Ornelas Lazo per il furto.
Il quadro, valutato più di 2 milioni di euro, raffigura una giovane donna seduta sul pavimento con il seno scoperto. Si tratta appunto di un'odalisca, una figura importante nell'harem dei signori e dei sultani all'epoca dell'impero ottomano. Nell'antica Persia infatti l'odalisca, che si trovasse alla corte del sultano o nel seraglio di un signorotto locale, era la schiava deputata all'educazione di mogli e concubine.
I ladri sono venuti “a galla” da soli, avevano infatti cercato di vendere l'opera d'arte per 740 mila dollari ad un agente dell'FBI sotto copertura. Ma, insieme al furto, è riemerso anche un altro mistero che circondava il quadro. Il dipinto era stato acquistato dal museo di Caracas da una galleria di New York nel 1981 per 400.000 dollari. Ma, secondo le ricerche di alcuni funzionari del museo, nel 1997 il vero Matisse era stato rubato e sostituito con un falso che nessuno aveva mai scoperto. Nel 2002 un gallerista di Miami aveva contattato il museo, sostenendo che qualcuno gli aveva offerto di comprare il quadro. Solo allora gli esperti del museo avevano scoperto che si trattava di una copia: qualcuno, con molta probabilità gli stessi dipendenti del museo, aveva rimosso il dipinto originale dalla sua cornice sostituendolo con il falso.

Recuperata \\\'L\\\'Odalisca in pantaloni rossi di Matisse\\\'

Recuperata \\\'L\\\'Odalisca in pantaloni rossi di Matisse\\\'
Recuperata \\\'L\\\'Odalisca in pantaloni rossi di Matisse\\\'

  • shares
  • Mail