Andy Warhol, il primo Autoritratto in vendita all'asta da Sotheby’s

self-portrait-64.jpg

Di autoritratti Andy Warhol se ne è fatti a bizzeffe. Ma quello che arriverà all’asta il prossimo 28 giugno a Londra, da Sotheby’s è il primo in assoluto e sarà venduto al migliore – e più dispendioso – acquirente.

Si tratta del primissimo lavoro della Serie degli Autoritratti di Andy Warhol, realizzato tra il 1963-1964 e rappresenta il momento preciso della nascita del personaggio-icona Andy Warhol, pioniere della Pop Art. Realizzato quando l’artista aveva 35 anni, l'autoritratto sarà in asta per la prima volta, 30 anni esatti dalla morte dell'artista, avvenuta nel 1987.

Durante la sua carriera, Warhol è ritornato più volte sul tema del volto, volendo dar vita ad opere contraddistinte per immediatezza, vivacità e freschezza concettuale. L’artista statunitense ha realizzato questa serie di autoritratti su richiesta della collezionista di Detroit Florence Barron.

Self-Portrait viene realizzato quando il successo di Warhol nel mondo dell'arte era già in crescita e Ivan Karp, dealer della leggendaria galleria di Leo Castelli di New York, era riuscito a persuadere l'artista che un suo autoritratto sarebbe stato ancora più suggestivo: "La gente vuole vederti. I tuoi sguardi sono responsabili di una gran parte della tua fama e alimentano l'immaginazione”. Così nasce Self-Portrait, realizzato utilizzando le immagini scattate in una cabina per fototessere di New York. L'uso di tale materiale non convenzionale è stato, in questo momento storico, davvero innovativo ed ha alimentato ulteriormente l’aura che già circondava l’artista, che aveva sperimentato l'uso della serigrafia in arte solo un paio di anni prima.

L’opera , un acrilico e inchiostro serigrafato su tela, parte con una base d'asta del valore tra i 5 e i 7 milioni di sterline.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 8 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO