'Il bel dipingere', artisti in Emilia tra quattrocento e settecento

Scritto da: -

Il patrimonio artistico italiano è certamente inestimabile e spesso accade che alcune eccellenze sviluppatesi a livello regionale rimangano in secondo piano. Non sarà così per chi l’arte, la storia dell’arte, la conosce a menadito in ogni sua articolazione, ma di certo accade a chi non ha una formazione specifica e si nutre delle sollecitazioni delle rubriche e delle riviste di settore, nonché degli allestimenti dei grandi musei.
Per fortuna c’è qualcuno che vive la propria professione con passione e finalità di ricerca, come Tiziana Sassòli della Galleria Fondantico di Bologna che da venti anni dedica l’autunnale ‘Incontro con la pittura’ alla (ri)scoperta dei grandi maestri del passato (emiliani o ivi attivi). Quest’anno, dal 27 ottobre al 22 dicembre 2012, nella cornice di Palazzo Pepoli Bentivoglio (via de’ Pepoli 6/E, nelle vicinanze di Piazza Santo Stefano) di Bologna va in scena la mostra gratuita Il bel dipingere. Dipinti e disegni emiliani dal XV al XIX secolo. Un periodo piuttosto vasto, che parte dalla prima metà del Quattrocento con il Maestro di Castrocaro e prosegue con un dipinto di Niccolò Pisano, artista toscano attivo tra Ferrara e Bologna sul finire degli anni trenta del cinquecento. Si passa poi al seicento con Antonio Carracci (pronipote di Annibale) e ad Andrea Donducci detto il Mastelletta, capace di rendere sulla tela episodi classici con grande modernità di vedute.

Opere di Fondantico di Tiziana Sassoli - Il bel dipingere

Opere di Fondantico di Tiziana Sassoli - Gaetano Gandolfi (San Matteo della Decima, 1734-Bologna, 1802)  Il Sacrificio di Ifigenia  Olio su tela  cm 68x46,5 (ovale)  Opere di Fondantico di Tiziana Sassoli - Sisto Badalocchi (Parma 1575; 1621/1622)  Arianna abbandonata da Teseo sull’isola di Nasso  Olio su tela, cm 78x112 Opere di Fondantico di Tiziana Sassoli - Michele Desubleo (Maubege, 1602-Parma, 1676)  Vanitas  Olio su tela  cm 110x94 Opere di Fondantico di Tiziana Sassoli - Giovanni Maria Viani (Bologna, 1636-1700)  Maddalena penitente  Olio su tela  cm 96x78 Opere di Fondantico di Tiziana Sassoli - Giovanni Andrea Donducci detto il Mastelletta (Bologna, 1575-1655)  Paesaggio con figure  Olio su tela, cm 53x66,5Opere di Fondantico di Tiziana Sassoli - Pelagio Palagi (Bologna, 1765-Torino, 1860)  Giochi di putti  Penna e inchiostro bruno su carta avorio  mm 212x305 Opere di Fondantico di Tiziana Sassoli - Francesco Monti (1685-1768)  Il giudizio di Paride  Olio su tela, cm 58,5 x 90,2 Opere di Fondantico di Tiziana Sassoli - Francesco Monti (Bologna, 1685-Brescia, 1768)  Allegoria di una città (1740 ca.)  Olio verde e bruno con rialzi in bianco su carta vergellata preparata in rosso  mm 280x425

Un percorso tutto da gustare che si dipana all’insegna della qualità e dell’eterogeneità delle proposte. Guido Reni ed i suoi seguaci Giovanni Andrea Sirani e Giovan Giacomo Sementi, il pittore fiammingo Michele Desubleo, Simone Cantarini ed i bolognesi Francesco Albani, Sisto Badalocchi, Giovanni Girolamo Bonesi, Giovanni Maria Viani, Gaetano Gandalfi.
Nella sezione opere su carta è certamente da ricordare la presenza di Donato Creti, Marcantonio Franceschini, Francesco Monti, Giacomo Zoboli, Antonio Consetti e Pelagio Pelagi.

Vota l'articolo:
3.91 su 5.00 basato su 23 voti.  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Artsblog.it fa parte del Canale Blogo Lifestyle ed è un supplemento alla testata Blogo.it registrata presso il Tribunale di Milano n. 487/06, P. IVA 04699900967.