Quando il museo compra il ritratto deturpato

Scritto da: -

Craigie Aitchison è un pittore scozzese nato nel 1926. Ha studiato in Italia ed è stato influenzato dal Rinascimento. Un giorno un visitatore nel suo studio aveva definito un autoritratto un po’ troppo ‘lusinghiero’: l’artista non aveva esitato e aveva lacerato la tela del quadro.
Il dipinto, risalente ad un periodo compreso tra la fine dei 1950 e i primi anni 1960, è rimasto in possesso di Aitchison fino alla sua morte, avvenuta nel 2009. Oggi però quell’opera deturpata viene acquistata dalla National Portrait Gallery di Londra.
Aitchison, non aveva pensato finisse così, ma prima di morire, aveva dato il via libera per l’operazione di restauro, a patto che le cicatrici restassero visibili. Poco incline ad autopromuoversi, alla fine si era lui stesso innamorato di quel dipinto danneggiato, di quei tagli sulla tela.

Martin Wyld, a capo della sezione conservazione si occuperà dei lavori di ripristino del dipinto.
L’acquisizione (36.512 sterline) della National Portrait Gallery è resa possibile grazie al cofinanziamento di alcuni partner privati, lo stilista Sir Paul Smith, Terenzio e Angela Danziger Miles.
Paul Moorhouse, curatore della galleria dei ritratti del ventesimo secolo, ha dichiarato al proposito:

“Craigie Aitchison è stato un artista dal tratto molto riconoscibile, la cui singolare visione si è radicata in un acuta sensibilità verso il colore e i sottili strati di significato.”

Via I BBC

Vota l'articolo:
3.67 su 5.00 basato su 12 voti.  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Artsblog.it fa parte del Canale Blogo Lifestyle ed è un supplemento alla testata Blogo.it registrata presso il Tribunale di Milano n. 487/06, P. IVA 04699900967.