Il Déco è l'arte italiana tra le due guerre in mostra a Rovigo

Ritratto di Wally Toscanini - 1925 - Alberto Martini - Roma, collezione privata

Dopo aver indagato nel 2008 gli anni della "Belle Epoque", prosegue l'appuntamento con le grandi esposizioni a Palazzo Roverella di Rovigo, dove protagonista nel 2009 è il Déco e l'arte italiana tra le due guerre.

"Déco. Arte in Italia 1919 - 1939", che inaugura il 31 gennaio, è una mostra dedicata allo stile e al gusto che ha segnato quel periodo storico, secondo quanto riconosciuto dai critici che hanno coniato il termine a posteriori, negli anni '60. E' stato cioè riconosciuto al Déco, in assenza di un manifesto teorico, un comune denominatore figurativo e tematico, uno spirito che ha attraversato tutte la manifestazioni artistiche (arte, architettura, design, moda) e non, rivolte alla ricerca di una modernità elegante e non solo funzionale.

Fino ad oggi l'Art Déco è stato prevalentemente presentato al pubblico in riferimento alle arti decorative, agli interni e all’architettura. La mostra, articolata in undici sezioni, privilegia invece l'aspetto pittorico (con una sezione dedicata alla scultura). Nata in Francia, in Italia l'arte Déco si è distinta per originalità, utilizzando idee liberty, classiche e futuriste. Rientrano così in questo gusto artistico opere di Mario Sironi, Achille Funi, Ubaldo Oppi, Gino Severini, Felice Casorati, Fortunato Depero, Diulgheroff, Fillia e la cartellonistica di Giò Ponti per Ginori e l’attività di Vittorio Zecchin in bilico tra decorazione pittorica e raffinate produzioni vetrarie.

La mostra prosegue fino al 28 giugno.

DÉCO. Arte in Italia 1919–1939 - Palazzo Roverella - Rovigo
L'Ile de Chytère n.1 - 1933 - Ruggero Michaelles in arte RAM - Firenze, collezione privata
La femme nue - 1921 - Roberto Iras Baldessari - Museo Civico di Rovereto
Nudo e paesaggio fiorito - 1920 - Guido Cadorin - Venezia, collezione privata

Ritratto di Mario Chiattone - 1924 - Achille Funi - Museo Civico di Belle Arti/Collezioni della città di Lugano
Giulietta en coulotte de cheval - 1920 - Mario Cavaglieri - Collezione privata
La glorificazione dell'Aviatore - 1920 - Galileo Chini - Venezia, Asac
Figura e ambiente o Donna seduta - 1926/1927 - Fillia
La Giapponese - 1919 - Anselmo Bucci - Monza, Courtesy Galleria Antologia

  • shares
  • +1
  • Mail