Uovo Performing Arts Festival '09

Uovo performing art festival

Nuova Edizione per Uovo Performing Arts Festival, un progetto indisciplinato sulla contemporaneità. Dal 29 aprile al 24 maggio Milano ospiterà un festival atipico fatto di danza contemporanea, musica elettronica, arte visiva, cinema, architettura e design.
Location di tutto rispetto come il Teatro Out Off, il Teatro Franco Parenti, la Fabbrica del Vapore, la Triennale e molte altre.

L'identità indisciplinata del festival si realizza proprio nel suo essere in bilico tra varie discipline artistiche. Giunto alla settima edizione Uovo Performing Arts Festival presenta una line-up di artisti internazionali che provengono da tutta Europa, fatta eccezion per gli statunitensi Mammalian Diving Reflex (CA).

Ecco i nomi: Jérôme Bel (F), Francesca Grilli (I), Kinkaleri (I), Christina Kubisch (D), Lone Twin Theatre (GB), Roberto Paci Dalò/Giardini Pensili (I), Pathosformel (I), Plumes dans la tète (I), Virgilio Sieni (I), Claudio Sinatti & Black Fanfare/ Demetrio Castellucci (I), Socìetas Raffaello Sanzio/Romeo Castellucci (I), Zapruderfilmakersgroup (I).



Interessantissimo anche l'avvio di 0_11, progetto che coinvolge artisti che mettono in relazione i linguaggi del contemporaneo con l'infanzia. I bambini sono protagonisti come spettatori e performer, in un'indagine che pone al centro questioni di fondamentale importanza per il loro futuro come il rischio, il cambiamento, la speranza, la fiducia, la responsabilità e il potere.

Il Comune di Milano è il principale sponsor istituzionale dell'iniziativa e come sostiene l'assessore alla Cultura Massimiliano Finazzer Flory "Le attività performative sono la nuova frontiera della cultura contemporanea e Milano ne è capitale, ma inconsapevole". Per questo l'assessore sta pensando a un gemellaggio tra Milano e New York nell'ambito di Performa 09, la terza biennale dedicata alla new visual art performance in programma dal 1° al 22 novembre a New York.

  • shares
  • Mail