Il bianco e nero di Erwin Blumenfeld a Cavriago

Modèle avec le platre d'un marbre grec Paris, 1937 - Erwin Blumenfeld

Sempre fotografia in bianco e nero, sempre un evento che si inserisce nel programma della "Fotografia Europea 2009" e sempre una mostra intorno a Reggio Emilia, precisamente nella Sala Comunale delle Mostre di Cavriago.
E' qui che fino al 13 giugno prosegue "Erwin Blumenfeld. Francia, 1936-1941", la mostra dedicata ad uno dei grandi maestri dell'immagine del Novecento.

Le 60 fotografie realizzate tra il periodo del 1936 e il 1941 nascondono una storia avventurosa (anche se non così unica in quegli anni). I negativi furono ritrovati da Blumenfeld, che li riteneva per sempre perduti, nel 1947 quando fece ritorno a Parigi, città abbandonata precipitosamente sei anni prima, dopo l'internamento in campi di concentramento francesi nel 1940.

Di origine tedesca, dopo aver vissuto in Olanda, Blumenfeld si trasferì a Parigi, ma fu New York a consacrarlo tra i grandi. Apprezzato dalle riviste di moda come Vogue e Harper's Bazaar, per quel suo stile sofisticato, Erwin Blumenfeld è ricordato anche per i suoi ritratti, per i profili delle città e per le nature morte, che si trovano in abbondanza nella mostra di Cavriago.

Erwin Blumenfeld, Francia, 1936-1941 - Sala Comunale delle Mostre di Cavriago
Matisse Paris, 1937 New York - Erwin Blumenfeld
Portrait au visage étirè Paris, 1937 - Erwin Blumenfeld
Portrait aux yeux clos Paris, 1936 - Erwin Blumenfeld
Profil au miroir Paris, 1936 - Erwin Blumenfeld
Fenetres Paris, 1949 - Erwin Blumenfeld

Daphne Hellman et les fils de sa harpe Paris, 1937 - Erwin Blumenfeld
Cathédrale de Rouen, 1937 - Erwin Blumenfeld
Georges Rouault Paris, 1936 New York - Erwin Blumenfeld
Carmen modèle du Baiser de Rodin Paris, 1937 New York - Erwin Blumenfeld
Profil francais Paris, 1936 - Erwin Blumenfeld
Modèle derrière un grillage (pour Vogue Paris), 1939 - Erwin Blumenfeld

  • shares
  • +1
  • Mail