IL CAOS_#1. L'impegno etico e sociale nell'arte a Venezia

Napoli - Danilo Donzelli

IL CAOS è un progetto espositivo promosso dalla Società San Servolo Servizi in collaborazione con la Provincia di Venezia nato con l'idea di documentare l’impegno etico e sociale che si sta esprimendo negli ultimi anni nell' arte. Il progetto si svilupperà in tre anni, con tre mostre che affronteranno il tema del lavoro, la questione della migrazione e quella dei conflitti. Argomenti caldi, al centro di discussioni sociali che coinvolgono sempre di più l'opinione pubblica e richiamano l'attenzione dei governi.

La trilogia prende il titolo dalla rubrica che Pier Paolo Pasolini tenne dal 6 agosto del 1968 al 24 gennaio del 1970 sul settimanale "Tempo" e che proseguiva il suo impegno rappresentato dalla precedente rubrica "Dialoghi con Pasolini", che lo scrittore e regista aveva tenuto su "Vie Nuove". Le riflessioni di Pasolini si svilupparono a seguito del Movimento del '68, delle fratture che questo aveva aperto in seno al capitalismo. Un periodo dinamico e difficile, che proponeva tematiche simili a quelle di oggi, ma in una società molto diversa.

Dato che il mondo dell'arte sta affrontando questi temi, la trilogia IL CAOS vuole dare testimonianza di questo stato. Il primo tema proposto è quello del lavoro, da qui il titolo "IL CAOS_#1 il lavoro", evento curato da Raffaele Gavarro visibile fino al 19 luglio.

IL CAOS_#1 il lavoro - Isola San Servolo, Venezia
Le chiavi di casa - Alice Schivardi
The romantic piano - Donatello Di Cicco
Punto di vista - Giuseppe Stampone
Dinamiche di un pensiero autonomo (Fasinpat ex Zanon) - Sandro Mele

Untitled - Marco Bonafè
Seguendo i fili che formano il tessuto della città - Gea Casolaro
L'Aria di un paese - Enrico Vezzi

In questa mostra si vuole capire quanto la natura, la tipologia, l’organizzazione del lavoro e dei lavoratori siano cambiate nella nostra società. Cogliere il senso profondo di straniamento e di lontananza, che si è creato tra l’immagine mediatica e la realtà del mondo del lavoro nel nostro Paese e in ambito internazionale. Riflettere sulle condizioni dei lavoratori e di come oggi intendiamo questa categoria. Questo attraverso le immagini degli 8 artisti selezionati che sono: Marco Bonafè; Gea Casolaro; Donatella Di Cicco; Danilo Donzelli; Sandro Mele; Alice Schivardi; Giuseppe Stampone; Enrico Vezzi.

In mostra sarà anche presentato un breve estratto di un documentario girato da alcuni cassaintegrati dell’Alitalia. Il video, intitolato "Tutti giù per aria" (regia di Francesco Cordio, autori: associazione culturale "Cogito…" insieme ad Alessandro Tartaglia Polcini e Matteo Messina), vuole essere una finestra aperta sulla realtà.

Non manca la parte multimediale e interattiva. E' stato attivato un gruppo di discussione su Facebook dal titolo "L’incertezza e la necessità", amministrato e seguito da Chiara Nicolini che in parte sarà riportato in catalogo, a cui sarà possibile anche accedere direttamente dalla sede della mostra, dai tavoli multimediali che saranno approntati nella zona espositiva e che presenteranno documenti consultabili on line e cartacei dedicati al tema del lavoro. Il gruppo di discussione rimarrà aperto anche durante la mostra e direttamente dalla sede espositiva sarà possibile intervenire. Anche questa modalità di comunicazione servirà a mantenere un rapporto diretto tra l’evento espositivo e la realtà.

  • shares
  • +1
  • Mail