La luce secondo Floris Neusüss alla Galleria Carla Sozzani

Floris Neusüss

Ha aperto lo scorso sabato la mostra dedicata a Floris Neusüss (1937) presso la Galleria Carla Sozzani di Corso Como. Ed è davvero bella.

Floris Neusüss è il maestro del fotogramma. E’ infatti un artista che utilizza il fotogramma come unico mezzo della propria poetica, indagandone tutte le capacità e le possibilità tecniche ed espressive. Ma in che senso “fotogramma”? Il fotogramma, che è un’immagine fotografica, è la “trasmissione” di un oggetto sulla carta sensibile, grazie ad un colpo di luce. Diversi artisti hanno lavorato con il fotogramma, ad esempio Moholy-Nagy e Man Ray.

I fotogrammi di Neusüss sono grandissimi, e riproducono il corpo umano a grandezza naturale, ma anche altri oggetti. Sembrano fantasmi, ectoplasmi, creature luminose magiche. E costituiscono un punto di vista diverso sui corpi e sulle cose. L’artista tedesco dice: “Nel fotogramma l’osservatore distingue la frammentarietà dell’oggetto come una citazione della realtà”. Fino al 2 agosto.

Floris Neusüss
Floris Neusüss
Floris Neusüss
Floris Neusüss
Floris Neusüss

  • shares
  • +1
  • Mail