Una statua d'oro di Michael Jackson e dello scimpanzè Bubbles al Museo d'arte contemporanea di Berlino

Paul McCarthy, Michael Jackson and Bubbles

Al Museo d'arte contemporanea di Berlino è possibile ammirare questa scultura di Paul McCarthy che rappresenta Michael Jackson con la scimmietta Bubbles. Si narra che nel 1985 Michael salvò da una clinica medica lo scimpanzè Bubbles e lo portò a Neverland. L'animale divenne per Jackson un amico inseparabile fino a quando fu allontanato per paura che potesse attaccare il figlio del cantante, Prince Michael II.

L'opera in questione, tuttavia, non è la prima che McCarthy ha dedicato al re del pop. Ce n'è un'altra, risalente al 2002, dal titolo "Michael Jackson Fucked Up (Big Head)", che, a sua volta, reinterpreta in modo ironico la celebre opera di Jeff Koons del 1998 "Michael Jackson and Bubbles", una scultura d'oro raffigurante ancora una volta il cantante e la scimmietta Bubbles.

La nuova versione del soggetto proposta da McCarthy sembrerebbe assumere diversi significati. Rimane l'ironia e la critica di fondo, ma l'opera acquista anche un'ambigua valenza celebrativa.

Michael Jackson e Bubbles

Paul McCarthy, Michael Jackson and Bubbles
Paul McCarthy, Michael Jackson and Bubbles
Paul McCarthy, Michael Jackson and Bubbles

Jeff Koons, Michael Jackson and Bubbles (1998)
Paul McCarthy, Michael Jackson Fucked Up (Big Head) (2002)

  • shares
  • Mail