Arte e guerra fredda a Berlino


In corso a Berlino fino al 10 gennaio 2010 una mostra davvero interessante che ripercorre attraverso l'esperienza di artisti come Joseph Beuys, Jörg Immendorf, Anselm Kiefer, A.R. Penck (Der Übergang, 1963 - nella foto) il periodo della divisione della Germania. Arte e Guerra Fredda - Posizioni tedesche 1945-1989 è una mostra che comincia una riflessione a venti anni dal 9 novembre 1989, il giorno della caduta del muro di Berlino.

Due differenti tipologie di umanità a confronto che hanno coesistito a partire dagli anni '50. Una spaccatura che si riassume nella contrapposizione tra astrattismo a ovest e realismo socialista a est. Ma la cultura si sa non si ferma e passa attraverso i muri, al punto che oggi, con sguardo lucido, è possibile trovare molti punti di contatto tra gli artisti delle due Germanie.

Nonostante partissero da un background ideologico completamente differente, le storie delle arti nei due paesi si sono spesso venute a incrociare. Durante la Guerra Fredda tra la Repubblica Federale e quella Democratica l'arte ha avuto un'importante funzione comunicativa, per arrivare, all'alba della reunificazione, a svolgere unaa funzione di traino di tanti progetti di ricostruzione identitaria.

  • shares
  • +1
  • Mail