Pubblicità e propaganda: a Genova l'ultima mostra futurista dell'anno

Pubblicità futurista

Ormai abbiamo perso il conto delle mostre prodotte in occasione del centenario futurista, mostre grandi, piccole, belle, meno belle... presentiamo comunque l'ultima nata, quella che chiuderà il 2009 (e aprirà il 2010), alla collezione Wolfson di Genova: "Pubblicità e propaganda. Ceramica e grafica futuriste".

Questa volta, a testimonianza del movimento, saranno esposte grafiche pubblicitarie e oggetti in ceramica: credo che i punti interessanti della mostra potrebbero essere due, come suggeriscono i curatori. Innanzitutto l'osservazione della pubblicità come riflessione su "quella sottile linea di demarcazione che separa la persuasione pubblicitaria e la propaganda politica": infatti i futuristi, ovviamente, introdussero nei manifesti pubblicitari i loro principi fondanti, la macchina, la velocità, la modernità...

Il secondo punto interessante è il riferimento al contesto regionale della Liguria che, dopo l'ovvia importanza di Faenza nella realizzazione delle ceramiche futuriste e non solo, vide la nascita di una produzione espressamente futurista presso la Casa Giuseppe Mazzotti di Albisola, il cui direttore Tullio firmò nel 1938 con Marinetti il manifesto "Ceramica e aeropittura". Per gli infaticabili del centenario, fino all'11 aprile 2010.

Pubblicità futurista
Pubblicità futurista
Pubblicità futurista
Pubblicità futurista
Pubblicità futurista

  • shares
  • +1
  • Mail