Sign city e l'albero antenna di Sebastian

Sebastian - albero da 1,7 teslaSign city è un’interessante esposizione di fotografia che richiama nel titolo il famoso fumetto, poi film, di Frank Miller.

Sette autori indagano l’ambiente metropolitano con linguaggi eterogenei. Oltre alle visioni della città ora simboliche ora simultanee ora cinetiche (queste ultime ricordano, volutamente o meno, certi esperimenti fotografici anni ’60) spiccano le opere di Davide Sebastian, che invitano ad una riflessione sul rapporto della nostra civiltà con la natura ed il paesaggio.

Sebastian ha intrapreso un ciclo di lavori, il Tesla project, nei quali ritrae quelle antenne mascherate da alberi che si trovano sparse ai bordi del territorio urbano.

L’albero-antenna costituisce una perfetta metafora per sintetizzare quel triste modo di espandersi delle metropoli contemporanee che è la cosiddetta città continua: un non luogo che mischia la città e la campagna (civiltà e natura) creando un ibrido asfissiante e senza identità.

La mostra non avrebbe stonato come contorno alla passata Biennale di Architettura di Venezia che aveva come tema proprio la metropoli.

A Roma, galleria Monocromo, fino al 28 aprile.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO