Gianfranco Ferrè: in mostra a Prato la storia di un'icona italiana

È stata presentata stamattina a Milano l'anteprima dell'importante mostra di Gianfranco Ferrè, retrospettiva che celebrerà un'icona assoluta del made in Italy, e il capo cult che lo ha reso celebre al mondo: la camicia bianca. Dal 1 febbraio 2014 fino al 15 giugno 2014, al Museo del Tessuto di Prato.

È fin troppo facile raccontare la mia camicia bianca. È fin troppo facile dichiarare un amore che si snoda come un filo rosso lungo tutto il mio percorso creativo. Un segno - forse “il” segno – del mio stile, che dichiara una costante ricerca di novità ed un non meno costante amore per la tradizione.

Milano 8 Novembre 2013-È appena terminata la conferenza stampa ufficiale per presentare una grande mostra al via al Museo del Tessuto di Prato dal 1 febbraio 2014 fino al 15 giugno 2014. La vasta retrospettiva racconterà tutta la creatività e il genio stilistico di un'icona italiana del nostro tempo: Gianfranco Ferrè. L'esposizione ricostruirà la storia del genio della moda contemporanea internazionale attraverso il capo cult, quello che lo ha consacrato ai vertici dell'Olimpo del fashion system: la camicia bianca.

Ma non solo. La mostra si concentra sulle capacità progettuali decisamente fuori dal comune del mago di Legnano, sulla sua peculiare cifra stilistica, e ancora sull'indelebile rapporto sinergico con l'architettura, quello che lo portava costantemente ai limiti dell'impossibile; facendo sfilare in passerella creazioni haute couture, che dialogavano con le leggi della fisica, e sfidavano le leggi naturali della sartoria.

Direi che buona parte del mio iter creativo si spiega alla luce del mio background e della mia formazione come architetto. Per me la moda è poesia, intuito, fantasia, ma è anche metodo e atteggiamento progettuale che si fonda sulla concezione dell’abito come risultato di un intervento programmato e consapevole sulle forme.

Leggerezza e luce, impalpabile come lo chiffon che fluttua elegante sulla pelle, elegante ed eterea come la seta: 27 camicie, scelte tra le versioni più emblematiche nate in oltre vent'anni di sfide e passioni; e ancora le bozze, i disegni, le idee. Una possibilità preziosa da non perdere, per tutti, ma proprio tutti, studenti, appassionati, addetti al settore e curiosi, per guardare dentro alla creatività e al mito, ed entrare in contatto da vicino con l'infinita poetica sartoriale e i visionari progetti dello stilista italiano.

La mostra dal titolo La camicia bianca secondo me. Gianfranco Ferrè è stata ideata e organizzata dalla Fondazione Museo del Tessuto di Prato - istituzione italiana per la valorizzazione e la promozione del patrimonio tessile locale, nazionale ed internazionale – e dalla Fondazione Gianfranco Ferré.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 7 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO