'The Places In-Between', una mostra di arte urbana a Sidney


Visto che siamo un blog 'a vocazione internazionale', ogni tanto mi pare interessante andare alla ricerca di situazioni espositive in cui l'arte urbana entra in contesti non abituali, dove gli artisti magari hanno anche un riscontro economico delle loro opere.

Da questo punto di vista l'Australia è sempre molto attiva. A Sidney, nello spazio The Places In-Between, un luogo appunto ibrido, situato all'interno di un centro commerciale, è in corso di svolgimento una mostra che mette insieme nuove e vecchie voci della street scene australiana.

Curata da Watim e dalla Ambush Galleryh, presenta Apeseven (aka George Hambov), venuto fuori dalla scena dei graffiti e degli skateboard degli anni '80. Lavora in tecnica mista stencil, spray, collage e pennello, dando vita a creature fantastiche, eviscerandone il rapporto con le forze visibili e invisibili. I suoi quadri si aggirano intorno ai 2.000 euro.

Poi Beastman (350 euro), affascinato dai pattern estetici presenti in natura e capace di lavorare sul confine tra umano e naturale. Ben Frost (già venduta la sua opera) e il suo stile pop che rimescola segmenti di culture differenti; Bridge (venduto) e i suoi animali umanizzati provenienti dalle favole; Ears, che unisce una formazione tradizionale ad uno sguardo urbano; Max Berry, Shannon Crees (presente al Banksy Cans Festival a Londra), Yok e molti altri.

Per farvi un'idea dei prezzi e delle dimensioni dei lavori, visitate la pagina della mostra.

The Places In-Between
The Places In-Between
The Places In-Between
The Places In-Between
The Places In-Between

  • shares
  • +1
  • Mail