Palazzo Morando a Milano: la mostra "Ritratto di gruppo / Conversation piece. La collezione Claudia Gian Ferrari dialoga con i progetti degli studenti NABA"

L'esposizione sarà visitabile fino al 28 settembre 2014

Sarà visitabile fino al 28 settembre 2014 a Palazzo Morando la mostra "Ritratto di gruppo / Conversation piece. La collezione Claudia Gian Ferrari dialoga con i progetti degli studenti NABA" a cura di Alessandra Galasso, curatrice, editrice e docente della Nuova Accademia di Belle Arti.

L'esposizione ospita una selezione di abiti e accessori provenienti dalla collezione privata della gallerista e storica dell'arte milanese Claudia Gian Ferrari, donata a Palazzo Morando, messa in dialogo con i progetti realizzati dagli studenti del biennio specialistico in Fashion and Textile Design: si tratta di oltre duecento oggetti tra abiti e accessori, in gran parte creati dallo stilista giapponese Issey Miyake. Tra i capi esposti spiccano anche le firme di importanti stilisti italiani, come Armani, Valentino, Krizia e Raffaella Curiel.

L'assessore alla Cultura Filippo Del Corno ha spiegato in sede di presentazione:


"Questo progetto, oltre ad essere molto affascinante per il dialogo tra le sale antiche e domestiche e le opere esposte, con il loro profilo tra il contemporaneo e l’avveniristico, ha un significato davvero importante. Non solo, infatti, valorizza la preziosa collezione Gianferrari, che fa parte del patrimonio artistico milanese, ma pone anche in stretta relazione la collezione stessa e gli studenti del NABA, che saranno i protagonisti del pensiero creativo della moda di domani e che testimoniano con la loro presenza nelle scuole milanesi la straordinaria capacità della nostra città di essere un luogo irrinunciabile per tutti coloro che vogliono esercitare il loro talento nell'arte, nella moda e nella creatività in genere, attraverso il confronto costante con i grandi maestri"

In mostra ci saranno anche altre opere d'arte, come un prezioso bronzo di Arturo Martini. E proprio Martini era l'artista più amato da Claudia Gian Ferrari.

Le creazioni degli studenti NABA (abiti, cappelli, scarpe, schizzi, tessuti, immagini fotografiche, video e altro) insomma rappresentano un simbolico passaggio di testimone da una grande personalità del passato agli appassionati d'arte che provengono da tutto il mondo e che si affacceranno presto all'universo professionale.

naba_morando__7913_def-2

  • shares
  • Mail