Pirate Camp in Venice: Coniglio Viola e il primo campeggio non autorizzato alla Biennale

pirate camp, conisglio violaDopo il "Pirate Attack to Venice Biennale", Coniglio Viola torna alla ribalta con una nuova invasione in Laguna.

Questa volta si tratta di un campeggio, ovviamnte non autorizzato (ricordiamo che nessun campeggio è autorizzato nella preziosissima e costosissima e ambitissima terra veneziana). Il campeggio, che si svolgerà fra il 31 maggio e il 6 giugno prossimi, è proposto dal gruppo come un vero e proprio programma di residenza artistica pensato da artisti per artisti. Ma è un'opera d'arte in sè, rivendicando non solo uno spazio pubblico, ma anche il legame intrinseco fra la figura del pirata/artista e l'accampamento: prendendo le loro parole un "essere fra la terra e il mare" che a me piace vedere come un territorio in continua ridefinzione da parte di ha scelto il linguaggio come la più radicale delle armi.

Detto questo, Coniglio Viola ha indetto un vero e proprio bando di partecpazione che trovate a questo link: le iscrizioni sono aperte fino al 10 maggio per artisti fra i 25 e i 35 anni di età e di tutte le nazionalità. Il progetto è supportato dall’associazione culturale kaninchenhaus con il patrocinio della Città di Torino e del GAI - Giovani Artisti Italiani, la collaborazione dell’Assessorato alle Politiche Giovanili della Città di Venezia e di "Art Enclosures". Bravi Coniglio Viola, sia per l'idea (bella e utile), sia per aver saputo sedurre le istituzioni: anche questo per me fa parte della performance.

  • shares
  • Mail