Mona Lisa, domani l'apertura di due tombe a Firenze


Come vi avevamo anticipato sono iniziati i lavori per ritrovare le spoglie di Mona Lisa. La cripta e una scala che porta a due tombe sono state localizzate all'interno del convento di Sant'Orsola. Domani i ricercatori apriranno le tombe alla ricerca di resti mortali, ed una volta individuato un cranio, si cercherà di confrontarlo con quello della Gioconda e mettere a confronto il Dna con quello di due dei suoi figli sepolti nella chiesa di Santissima Annunziata a Firenze.

Ci sono però molte probabilità che le monache abbiano trasferito altrove, forse nella cripta più grande della stessa Chiesa di Sant'Orsola, tutti i resti delle sepolture. La cripta piccola era infatti poco stabile e in procinto di crollare.

Secondo altri esperti poi, la faccia e la stessa espressione della Gioconda risulterebbe dalla sovrapposizione di più volti (tra cui quello del maestro, secondo l'ipotesi di Margaret Livingstone della Harvard University), e, vista la grandezza delle mani, alcuni sostengono che il modello di provenienza fosse un uomo, Gian Giacomo Caprotti, apprendista e presunto amante di Leonardo.

  • shares
  • Mail