eL Seed, street art e calligrafia dalla Tunisia

eL Seed, street art e calligrafia dalla Tunisia

Oggi continuiamo a parlare di street art in Medio Oriente. Molti di voi sapranno dell'importanza dell'arte calligrafica nel mondo arabo. eL Seed è un giovane street artist tunisino che unisce la forza dirompente del graffiti writing alla calligrafia. Ne nasce una miscela speciale: l'esplosione dei colori, la forza dirompente del muralismo americano, si fondono con l'armonia, l'equilibrio della scrittura araba.

Da tempo eL Seed ha smesso di 'marchiare il territorio' con la sua tag, utilizza piuttosto parole e piccole frasi per portare avanti il suo sfaccettato processo di ricerca di identità. La sua è un'arte che viene fuori dal grande amalgama di tensioni e pulsioni che attraversano l'odierna Tunisia, ma si rivolge anche al mondo occidentale, lo dimostrano le piccole frasi in inglese o francese ('spieghe') con cui è solito accompagnare i suoi pezzi.

Proprio in America, nel 2006 ha cominciato a pensare a se stesso come ad un artista, e recentemente eL Seed è stato a Doha, per una graffiti jam al nuovo museo di arte moderna ed a Chicago. Qui, insieme a Savera Iftikhar e Ali CoolGuy ha realizzato un progetto comunitario. Una serie di dipinti realizzati utilizzando t-shirt usate donate dai cittadini.

Oltre la calligrafia, uno dei suoi pezzi che prediligo è 'My name is Palestine' ('Il mio nome è Palestina'), che, con la forza di un albero d'ulivo, afferma l'esistenza di un popolo, una storia e una cultura.


Photo credits eL Seed and Mariel Rosenbluth

eL Seed, street art e calligrafia dalla Tunisia
eL Seed, street art e calligrafia dalla Tunisia
eL Seed, street art e calligrafia dalla Tunisia
eL Seed, street art e calligrafia dalla Tunisia
eL Seed, street art e calligrafia dalla Tunisia
eL Seed, street art e calligrafia dalla Tunisia
eL Seed, street art e calligrafia dalla Tunisia
eL Seed, street art e calligrafia dalla Tunisia
eL Seed, street art e calligrafia dalla Tunisia

  • shares
  • Mail