I Sonic Graffiti: ora la luce si trasforma in onde sonore

L.S.D Sonic Graffiti (Testing @Penn Station New York) from recyclism on Vimeo.

La città di New York come tutte le metropoli è un groviglio di esperienze sonore; traffico, flotte di persone vocianti, musiche e suoni inaspettati ti investono ad ogni metro. Tanto che è ormai cosa ardua mantenere un filo costante di pensieri, a meno che non vi siate infilati saldamente le cuffiette dell'iPod nelle orecchie.

Un mare di suoni ed effetti sonori che si acutizza e diventa protesta nel caso di Benjamin Gaulon, di cui vedete i lavori sul sito Recyclism; Gaulon è l'autore del progetto Sonic Graffiti, che funziona applicando su uno schermo qualsiasi un congegno speciale -chiamato L.S.D.- che attraverso dei sensori speciali tramuta le immagini in suoni.

Così il bombardamento mediatico che il passante subisce lungo la strada, si acutizza in uno stridere di suoni che per forza cattura la sua attenzione, perchè emerge dal brusio costante cittadino; questa esperienza in sostanza invita il fruitore ad una nuova percezione dell'ambiente che lo circonda, perchè sono ormai troppe le cose che autmaticamente ignoriamo.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO