Dark Cities, a Milano la mostra fotografica a lume di candela

La mostra è ospitata al Milan Image Art Fair di Milano dall’11 al 13 aprile


Si  chiama "Dark Cities"ed è la mostra che domani, 11 aprile 2015, fino al 13 aprile, aprirà al pubblico al MIA - Milan Art Fair - con l'esposizione di fotografie di Daniele Cametti Aspri.

Curata da VISIVA, la mostra esporrà foto in cui l'oscurità viene vista da una luce particolare: il lume di candela. Un viaggio sensoriale in cui nulla è scontato e nulla è immediatamente visibile: l'atmosfera e l'eleganza di "Dark Cities" non potranno che avvolgere e coinvolgere ogni spettatore.

“Dark Cities: Paris” è la prima tappa di un lungo progetto che ha portato il fotografo Daniele Cametti Aspri ad esplorare le capitali europee sotto “nuova luce”. Si tratta di un’evoluzione del lavoro dell’artista nello studio della luce, precedentemente esplorato attraverso la ricerca di toni molto chiari all’interno di ambienti degradati, ed ora attraverso la ricerca della bellezza nell’oscurità.

Il senso del progetto fotografico è, infatti, strettamente legato all’universo descrittivo della luce, o in questo caso della sua quasi assenza, sia dal punto di vista del soggetto ripreso sia della sua riproduzione, in un delicato gioco fatto di ombre ed oscurità che porta a scoprire lentamente luoghi noti e meno noti in una visione lontana dal consueto.

E' come entrare in un luogo buio, dove l'occhio, dapprima disorientato, inizia a mettere a fuoco e a delineare la realtà circostante, disegnando un gioco di forme e superfici acromatiche con sfumature di grigi scuri più o meno intensi che arrivano fino al nero.

Come accade in una camera stenopeica dove un piccolissimo raggio di luce dipinge la fotografia sul negativo, le immagini di “Dark Cities” arrivano all’occhio dello spettatore che vi si pone di fronte contemplandole come se si trovasse in una camera oscura: una visione che supera la barriera del reale e arriva direttamente all’anima, trasmettendo empaticamente le sensazioni percepite sui luoghi che si sono attraversati.

  • shares
  • Mail