Art Paris Art Fair 2012


Ancora un'occasione fieristica parigina per osservare in pochi colpi d'occhio, un buon riassunto del panorama artistico contemporaneo. Dopo l'edizione annuale della FIAC eccovi la sua "sorella di primavera" che risponde al nome di Art Paris Art Fair. Un "mo(nu)mento all'istante presente", che sarà ospitato, a partire da domani e fino al primo aprile, ancora negli spazi del Grand Palais (proseguendo nella "vocazione di vetrina" della capitale, che è intrisa nelle sue fibre fin dalla mitica nascita, avvenuta a seguito di una "titanica impresa" in occasione dell'esposizione universale del 1900) .

Centoventi gallerie provenienti da sedici differenti paesi e altrettante riviste di settore, con una "lusinghiera percentuale di nuovi venuti" al 56% (dei quali il 40% composto da espositori esteri) che fa davvero ben sperare in vista di futuri incrementi di presenze, il tutto si aggiunge al altro dato impressionante: ben 1200 gli artisti coinvolti. Ma uno dei punti di forza di questa edizione 2012, oltre alla nuova sezione "Limited Edition" dedicata al design europeo contemporaneo, a cura di Bénédicte Colpin, è proprio l'esaltazione del magico printemps parisien. L'iniziativa “Springtime in Paris”, abbinata al salone, permetterà ai visitatori di approfittare di un programma di visite, organizzate in collaborazione con le principali istituzioni locali e di cogliere così tutta l'effervescenza della città (annunciata dall'accento italiano della presentatrice della video-guida, che ci ricorda anche la presenza di Ai Weiwei al Jeu de Paume).

Via | artparis.fr

  • shares
  • Mail