Kabuki: viaggio nel teatro giapponese!

Scritto da: -

Kabuki a Parigi
Sembra che l’arte del Kabuki sia nata a Edo, l’antico nome di Tokyo, agli inizi del XVII° secolo. Si tratta di una forma di teatro dalle origini leggendarie, che affascina ancora oggi gli appassionati della cultura giapponese. Vi si tenevano rappresentazioni popolari, ispirate ai drammi della vita quotidiana trascurati dai teatri ufficiali, e tanto amati dal pubblico, ma anche reinterpretazioni di opere classiche come il famoso Genji Monogatari, la storia degli amori del principe Genji. Indimenticabili componenti della scena erano proprio i costumi. Grandi, stravaganti e curatissimi, ma soprattutto caratterizzati dall’estrema evidenza dei loro motivi, pensati per esser visti da lontano e per riempire il decoro, spesso molto scarno. Disegni tramandati di generazione in generazione, costantemente e fedelmente riprodotti con il passare dei secoli.

La fondazione Pierre Bergé - Yves Saint Laurent, in partenariato con la Maison de la culture du Japon à Paris, si è dedicata proprio a questa affascinante realtà, consacrando la sua diciassettesima esposizione, visitabile nella sede parigina fino a metà luglio, proprio ai costumi di scena del teatro Kabuki provenienti dalla collezione Shôchiku Costume. I pregevoli tesori, ricomposti sotto la guida della curatrice Aurélie Samuel, responsabile delle collezioni tessili al Musée Guimet, si presentano in tutta la loro bellezza accompagnati da accessori, stampe, fotografie e documentari che ne approfondiscono le vicende.

Via | fondation-pb-ysl.net

Kabuki a Parigi
Kabuki a ParigiKabuki a ParigiKabuki a ParigiKabuki a ParigiKabuki a ParigiKabuki a Parigi

Vota l'articolo:
3.86 su 5.00 basato su 35 voti.  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Artsblog.it fa parte del Canale Blogo Lifestyle ed è un supplemento alla testata Blogo.it registrata presso il Tribunale di Milano n. 487/06, P. IVA 04699900967.