Le illustrazioni di Arianna Vairo al Festival di Pavia

arianna vairo

Pavia apre oggi il secondo appuntamento del Festival dell'illustrazione, arrivato alla sua quinta edizione. Dopo Andrea Valente, al palazzo del Broletto, nella suggestiva cornice di Santa Maria Gelatieri in Piazza della Vittoria, verrà inaugurata la mostra della giovane illustratrice milanese Arianna Vairo, fino al 24 Giugno, a cui farà seguito la sezione dell'illustrazione lituana "Altrove". Un evento davvero interessante, capace di rivolgersi a tutti, appassionati e semplici curiosi e che a dispetto di tanti eventi d'arte contemporanea, garantisce il coinvolgimento sempre maggiore grazie all'esposizione di un'arte che si esprime tramite immagini spontanee e immediate, apparentemente così simili a quelle della nostra infanzia.

Nonostante la giovane età Arianna Vairo, che ha anche partecipato al Bilbolbul, manifestazione internazionale del fumetto, non smentisce il suo talento. Dopo aver studiato illustrazione allo Ied di Milano e "vagabondato" per l'Europa, unisce nel disegno tutta la sua vena eclettica e in costante movimento, sperimentando non solo diverse tecniche, come quella tanto amata dell'incisione, ma anche diversi usi dell'immagine. Inserita in numerosi progetti, che vanno dall'illustrazione di riviste, ai muri urbani, fino all' illustrazione di sceneggiature teatrali e fumetti, Arianna sembra non voler mai fermare la sua fantasia e metterla al servizio della sua arte.

L'Illustrazione di Arianna Vairo è un viaggio di scoperta all'interno dell' inconscio ma che si compie con la leggerezza di cui è capace solo un bambino. L'aspetto grafico del segno che è fatto di marcate linee nere, ma che si stempera nei numerosi spazi bianchi e in zone di energico colore, ci fa ondeggiare tra la forte carica emotiva e il sospiro breve di una pausa. Affascinante anche la scelta delle inquadrature, insolite e deformate come fossero viste sotto il vetro di una lente d'ingrandimento. Divertente scoprirne le novità e anche le reminescenze artistiche del passato, sintomo di un'arte, quella dell'illustrazione che non ha limiti all'ispirazione.

arianna vairo arianna vairo arianna vairo

Foto| Dal blog di Arianna Vairo

  • shares
  • Mail