Botero a Pietrasanta a Luglio: un amore tutto italiano.

botero

Botero festeggia gli 8o anni a Pietrasanta, cittadina della Versilia, meta prediletta dei suoi viaggi nel nostro Paese. Si tratta di un'anticipazione, perchè la mostra, che ha tutta l'aria di un vero e proprio evento, avrà inizio il 7 Luglio 2012 e si concluderà il 2 Settembre 2012. La cittadina sarà vivacizzata dalle sue corpulente sculture in bronzo,come tante città d'Europa, mentre nella chiesa e nel chiostro di Sant'Agostino ci saranno in mostra sculture di medie dimensioni, acquarelli inediti e 40 disegni degli anni '70 mai esposti. L'occasione si prefigura già come un appuntamento artistico molto importante soprattutto per Pietrasanta che ha nominato l'artista "cittadino onorario".

Ma l'amore per l'Italia da parte di Botero non è nuovo. Un legame che ha avuto inizio in Toscana, negli anni '50 quando si reca a Firenze per studiare arte. Qui apprende le lezioni di Roberto Longhi, e tramite il maestro riesce ad apprezzare l'arte rinascimentale, da cui riprenderà l'esaltazione della forma e farà proprie le tecniche dell'affresco di Giotto e Andrea del Castagno. Lo stile di Botero, colombiano, è un mix di tutto questo: tradizione sudamericana, quella europea e in primis quella italiana da cui assorbirà le forme monumentali e l'espressione enigmatica dei suoi personaggi.

E' interessante leggere l'ammirazione di Botero per l'arte italiana, confrontando la quattrocentesca famosa Camera degli sposi di Mantegna a Mantova, con la sua Camera degli sposa del 1961, dove ritrae i personaggi di corte in un modo tutto contemporaneo. Lo spazio è compresso, i volumi dei corpi, sono sovrapposti fino a creare la simultaneità temporale e spaziale. La scena rispetto a quella mantegnesca diventa più sobria, ma tipica di chi dall'ideale classico fa emergere la complessità tutta intellettuale dell'uomo contemporaneo.

botero botero botero

Foto| Dal sito Covers e Citation e da Flickr imm.1, imm.2, imm.3.

  • shares
  • Mail