Fondazione Mazzotta: Warhol - Beuys. Mostra-omaggio a Lucio Amelio

Conferenza stampa galleria Lucio Amelio - 1980 - foto Antonio Troncone

A Napoli nel 1980 due grandi dell'arte contemporanea, Warhol e Beuys, si incontravano grazie al collezionista Lucio Amelio.

A 27 anni di distanza Michele Bonuomo ha curato la mostra "Warhol - Beuys. Omaggio a Lucio Amelio", presso la Fondazione Mazzotta che è un omaggio ai protagonisti di quell'incontro.

Warhol - Beuys. Omaggio a Lucio Amelio
Conferenza stampa galleria Lucio Amelio - 1980 - foto Antonio Troncone
Joseph Beuys State III - 1980/1983 - Andy Warhol
La rivoluzione siamo Noi - 1971 - Joseph Beuys
Static - 1982 - Gerard Richter
Fate Presto - 1981 - Andy Warhol

La storia di questi personaggi è fatta di incontri e rincontri che avvengono tra l'inizio e la fine degli anni '70 tra Napoli e New York, fino al 1 aprile 1980, giorno in cui Warhol presenta nella galleria di Lucio Amelio in anteprima mondiale i ritratti che aveva fatto di Beuys.

Poi altri eventi e disastri intervengono per Napoli e per l'arte. Il terremoto, tele dedicate all'evento, il progetto "Terrae Motus" di Amelio.

La mostra è un omaggio al gallerista e alla sua collezione ma anche all'arte in generale. Sono visibili 92 opere, di cui 30 di Warhol, 42 di Beuys e 20 di altri artisti come Anselm Kiefer, Robert Mapplethorpe, Gerhard Richter, Michelangelo Pistoletto, Robert Rauschenberg . Si parte dal 1980 e dall'incontro si prosegue fino allo sviluppo di "Terrae Motus" e di molte tele importanti create dai due artisti e visibili in questa mostra.

Ci sono i ritratti di Beuys, Amelio e altri personaggi napoletani, la serie dei "Vesuvi" realizzata da Warhol. Ci sono i lavori di Beuys, le sue sculture e le sue installazioni.
Saranno inoltre esposte alcune opere fondamentali della collezione "Terrae Motus", ora custodita alla Reggia di Caserta, quali il trittico "Fate presto" (1982) di Warhol, ispirato alla pagina del quotidiano Il Mattino all’indomani della tragedia del terremoto, e l’installazione di Beuys "Terremoto in palazzo" (1981). In particolare quest'ultima viene prestata per la prima volta in Italia, dopo la mostra parigina tenutasi nel 1987 al Gran Palais di Parigi.

Da non perdere infine gli oggetti feticcio, come gli stivali rossi e la Polaroid di Warhol.

Warhol - Beuys. Omaggio a Lucio Amelio, Fondazione Mazzotta, Milano, dal 16 novembre al 30 marzo 2008.

  • shares
  • Mail