Riapre il Museo Nazionale iracheno

Chiuso dalla caduta del regime di Saddam Hussein, saccheggiato di quasi tutto il saccheggiabile, il Museo Nazionale dell'Iraq, a Baghdad, riapre, per ora, con le sue gallerie principali, quelle dotate delle opere più monumentali, difficili da trasportare e, per fortuna, anche più preziose.

Finanziate anche dal Ministero della Cultura italiano, le due ali d'arte assira e islamica, sono solo il punto di partenza di un progetto più vasto, che prevede la graduale riattivazione di altre 16 gallerie.

Punti di forza, per ora, due bassorilievi dal Palazzo Reale di Khorsabad.

Il museo è diretto da una studiosa irachena, Amira Edan (nella foto, mentre guida in un tour del museo degli ufficiali americani).

foto | the art newspaper

  • shares
  • Mail