Open Art 01: visita allo studio di Francesco Levi a Brescia

Qualche giorno fa ho fatto visita allo studio di Francesco Levi, artista di base a Brescia che utilizza la parola ed il disegno nella sua ricerca. Da poco è terminata la sua personale alla Mimesis Gallery di Calvisano (Bs) e perciò mi sono trovato immerso in un atelier un po' sottosopra, quel genere di situazioni in cui mi sento perfettamente a mio agio. Non che a me non piacciano gli allestimenti precisi, il rispetto del vuoto, dello spazio bianco, ma alcuni artisti preferisco conoscerli nel loro ambiente vitale, dove si respira polvere e sudore, e le opere, accatastate l'una sull'altra magari, si scoprono in maniera casuale e frammentaria. Così, ad esposizione finita, a fianco di alcuni lavori venduti ed in procinto di essere incorniciati ed autenticati, si scoprono anche pezzi 'extra-large' che per motivi di spazio non sono entrati in galleria. Già, ma di che mostra stiamo parlando? L'arcobaleno è inutile se la tua casa affonda e hai appena sbarrato porte e finestre è il titolo del percorso espositivo, con il comunicato stampa, parte integrante, che riporto interamente qui sotto.

“312 squali, 7 finestre sbarrate, 16 lacrime abitate, 2 pesci volanti, 303 parole sotterrate, 37 messaggi per il fondo del mare,1 rabdomante volante, 1 uomo che odia i contenitori, 1 cappuccetto rosso con 1 motosega, 27 nuvole piombo, 741 uccelli sopra la tua testa, 4 arcobaleni in b/n, 3 balene, 1 uomo con una bacinella e 1 donna con l'ombrello, infiniti ghirigori di fili elettrici, 7 cani che girano intorno a casa mia , 5 persone nascoste nelle montagne, 1 uomo usato come esca, 2 ombre sul tetto di casa,1 cane in formaldeide, 2 centrali elettriche e 7 tralicci pericolanti, 1 uomo trafitto da 13 forchette che guarda pesci nel cielo, 7 disegni su carta, 3 pannelli,1 agenda: tutto in 29 mq.”

Sembra quasi una lista della spesa al mercato a chilometro zero dell'immaginazione, gli ingredienti unici di un ricettario fantastico, crudele e profondamente ironico. Sono gli elementi di una storia unica forse, che si ricompone ad ogni capitolo, in ogni opera. Così l'arcobaleno è inutile se Hirst ha messo sotto formaldeide il tuo cane senza dirtelo, ma anche l'arcobaleno è inutile se stai osservando il tuo cane raffinato artista di Land Art, un'opera di grandi dimensioni, in cui la figura umana si sommerge nel buio dell'elemento vegetale e un piccolo cane che gioca casualmente in un parco è in realtà guidato da un preciso disegno creativo. Ne emerge un quadro così fermo dal punto di vista umano, nelle sensazioni che può trasmettere, da vacillare e risultare animato nelle singole porzioni di realtà che racconta.

L'arcobaleno è inutile se la tua casa affonda e hai appena sbarrato porte e finestre

Francesco Levi - Studio
Francesco Levi - Invito Mostra (F)
Francesco Levi - Studio
Francesco Levi @ Mimesis Gallery

L'istinto, per Levi, è importante motore che indirizza gli esseri viventi e gli oggetti verso una precisa direzione, sopito desiderio o allucinante prospettiva che sia. L'artista racconta percependo questo caos che lo circonda, che lo abita internamente, dando nome e traccia a paure ed attitudini altrimenti insondabili.

“Credo di lavorare sulle parole e sul silenzio. Il fatto è che le persone fanno ridere quando cercano di spiegarsi.”

All'interno dello studio di Francesco Levi mi sono così divertito a fotografare alcuni particolari, le pagine di un blocco per gli schizzi, dove prendono forma, in nuce, alcuni dei passaggi, delle sensazioni, da raccontare, da far esplodere in formato più grande.

L'arcobaleno è inutile se la tua casa affonda e hai appena sbarrato porte e finestre

Francesco Levi - Studio
Francesco Levi - Studio
Francesco Levi - Studio
Francesco Levi - Studio
Francesco Levi - Studio
Francesco Levi - Studio
Francesco Levi - Studio
Francesco Levi - Studio
Francesco Levi - Studio
Francesco Levi - Studio
Francesco Levi - Studio
Francesco Levi - Studio
Francesco Levi - Studio

  • shares
  • Mail