Il realismo di Tony Matelli: solitudine e sopravvivenza

Arm, Fucked - 2004 - Tony Matelli

Americano di Chicago, Tony Matelli appartiene alla scuola di scultura realista.

I suoi lavori traducono le sensazioni che l'artista prova e vede nelle persone intorno a lui, ovvero, il bisogno e la frustrazione di adeguarsi ad un mondo già formato. La sensazione di vita precaria e di stato di sopravvivenza che induce alla lotta. Il risultato sono sculture di persone o animali rappresenate in situazioni solitarie, disperate o violente, che cercano e vogliono sopravvivere. Una sensazioni palpabile osservando le opere realizzate.

Sculture di Tony Matelli
Arm, Fucked - 2004 - Tony Matelli
Old Enemy, New Victim - 2006 - Tony Matelli
Sleepwalker - 2001 - Tony Matelli

Couple - 1995/2002 - Tony Matelli
Gone - 2000 - Tony Matelli
The Hunter - 2002 - Tony Matelli
Ancient Echo - 2003 - Tony Matelli
Lost and Sick - 1999/2000 - Tony Matelli
Reverie - 2001 - Tony Matelli

C'è qualcosa di impressionante nelle sculture figurative di Matelli come di altri artisti di cui abbiamo parlato (Duane Hanson, Charles Ray, Maurizio Cattelan, Patricia Piccinini, Ron Mueck, Kristian Burford). Un filo conduttore che incuriosisce per originalità e senso estetico (in alcuni grottesco), anche se poi il realismo viene costruito e spiegato in modo diverso. Per chi volesse rivedere le opere ci sono le gallerie di immagini.

  • shares
  • Mail