Estate all'insegna della pop art con Roy Lichtestein

Un estate quella del The art institute di Chicago tutta all'insegna della pop art, con un'ampia retrospettiva (in scena fino al 3 settembre) dedicata all'artista Roy Lichtestein, che raccoglie più di 160 opere d'arte tra tele, disegni e collage. La mostra esplora a fondo l'arte di Roy, dai primi esperimenti con le rivisitazioni dei grandi classici, fino ai dipinti ispirati agli storici fumetti, volutamente e forzatamente pixellosi, che stan lì a spiegarci come tutto può essere ridotto a mero slogan, anche l'arte. Dai lavori più conosciuti come l'ormai iconica "Ohhh… Alright…," del 1964 fino agli schizzi intimi del work in progress dell'artista.

Il direttore artistico dell'AIC spiega di essere stato mosso dalla convinzione, maturata durante uno stage svolto al Guggenheim, in cui era proprio in corso una delle grandi esibizioni dell'artista prima della sua morte, che Roy Lichtestein è stato uno degli artisti più visionari e significativi dell'arte contemporanea americana del ventesimo secolo. Per questo l'istituto ha lavorato la bellezza di cinque anni per organizzare a puntino quest'importante antologica dal titolo appunto "Roy Lichtenstein: A Retrospective" in onore all'artista pop.

Via | articedu

  • shares
  • Mail