Ultimi giorni per Evan Penny al Marca con le sue bellezze disarmoniche

Evan penny

Mi piace scoprire l'arte fuori dai centri nevralgici, dalle rotte consuete per cui oggi vi voglio segnalare la mostra al Marca, museo d'arte contemporanea di Catanzaro su Evan Penny dal titolo Re-figured il realismo dell'inganno.Il Marca, Museo delle arti di Catanzaro, è un museo che dal 2008 ha abbracciato la cultura a 360 gradi, facendosi protagonista assoluto della scena artistica: dall'arte alla musica, dal cinema alla danza, Catanzaro, si avvia ad essere una nuova rotta per artisti e appassionati. Ultimo giorno, domani, per visitare la mostra e farsi affascinare dalla bellezza anche se inconsueta delle sue sculture.

La mostra su Evan Penny è il risultato di una partnership internazionale che coinvolge il museo insieme alla Stiftung Kunsthalle di Tubingen, al Museum der Moderne di Salisburgo e al museo AGO di Toronto. E'stata curata da Daniel J. Schreiber, direttore della Kunsthalle di Tubingen e Alberto Fiz direttore artistica del MARCA. Sono state raccolte 40 opere dell'artista canadese accompagnate da stampe fotografiche, prima passione dell'artista, da cui ha preso il via la sua ricerca scultorea.

Le sculture in resina e silicone catturano l'attenzione e difficilmente si riesci a rimanere estranei da ciò che rappresentano. Potrebbero ricordare le grandi sculture dell'iperrealista Ron Mueck, ma Evan Penny supera il concetto di reale, facendolo apparire come una vera e propria illusione. Nonostante i capelli, le espressioni del volto, la pelle e i lineamenti siano trattati con assoluta fedeltà l'intento dell'artista paradossalmente è quello di allontanarsi dal fotorealismo, per rappresentare ciò che i nostri occhi vedrebbero se fossero dotati di due enormi lenti d'ingrandimento e di prospettive non usuali.

I particolari appaiono distorti e disarmonici tanto da farci apparire i personaggi quanto mai bizzarri. Uomini donne e bambini sembrano un genere ancora in evoluzione, in cammino verso continui cambiamenti fisici. E se per la classicità la perfezione è data dall'insieme e armonia di diverse parti, con Evan Penny la bellezza è proprio la disarmonia di diversi uomini in una sola grande scultura.

Foto| Dal sito del Marca di Catanzaro.

  • shares
  • Mail