Regali di Natale: Damien Hirst dona opere alla Tate di Londra

Damien Hirst, Tate, scultura Chissà cosa sta succedendo a Damien Hirst, ma negli ultimi tempi l'artista sta compiendo gesti di generosità non frequenti tra i noti dell'arte.

Dopo l'asta benefica che lo vede protagonista insieme a Bono a favore dell'Africa, è toccato alla Tate Modern. Hirst ha donato al museo londinese 4 opere (e altre in futuro) della sua collezione personale, dopo che Nicholas Serota, direttore della Tate aveva lamentato tempo fa la difficoltà del museo di acquistare opere.

I lavori donati sono: "Mother and Child Divided", una copia realizzata dall'artista appositamente per la retrospettiva ""Turner Prize" in corso alla Tate Britain fino al 6 gennaio, che rappresenta una mucca e un vitello sezionati. L'originale, realizzata nel 1993 ed esibita al Turner Prize nel 1995, è proprietà del museo Astrup Fearnley di Oslo. Poi "The Acquired Inability to Escape" e la scultura "Life Without You" entrambe del 1991, periodo d'oro dell'allora sconosciuto artista. Infine "Who is Afraid of the Dark?" del 2002, uno dei primi dipinti della serie delle mosche morte.

Penso che la soddisfazione di poter donare qualcosa sia altrettanto piacevole quanto quella di vedere apprezzata la propria arte. E credo davvero che l'artista sia contento di farlo, cosa inaspettata per lui quando era giovane e sconosciuto. Forse in molti dovrebbero seguirlo, visto che con i prezzi che le aste hanno raggiunto, per musei e gallerie diventerà sempre più difficile comprare opere importanti, schiacciate dai privati milionari e dalle case d'asta.

Via | The Evening Standard

  • shares
  • Mail