I ragazzi della prateria. Vjing di casa nostra

Sabato scorso ero al Lambretto di Milano per il
Multimedia Copartying, uno degli svariati "fuori salone" milanesi legati al Salone Internazionale del Mobile. Ho avuto il piacere di avere davanti ai miei occhi I ragazzi della prateria dal vivo. Fanno vjing. Ergo, performance video live. Filmando foto, illustrazioni, disegni in movimento, e integrando il tutto con un egregio tappeto di musica elettronica. Il risultato viene proiettato in tempo reale su un maxischermo e sparato dalle casse audio in parallelo, per un effetto davvero molto interessante.

Il vjing a questi livelli, devo dire, è parecchio coinvolgente. La musica ti fa muovere, sei bello preso. In più vai in fissa sulle immagini, e anche gli occhi si riempiono di ritmo e movimento. I ragazzi della prateria hanno tenuto banco egregiamente, la gente era coinvolta. Tanto che ho avuto un presentimento: quello che in futuro vedremo sempre più spesso artisti impegnati in questo genere di attività.

  • shares
  • Mail