La Villa Wahnfried di Richard Wagner riapre finalmente i battenti

Villa Wahnfried, la casa dove Richard Wagner (1813-1883), dopo una esistenza irrequieta di viaggi, fughe e traslochi, poté finalmente trovare pace negli ultimi anni della vita, ha riaperto i battenti, dopo cinque anni di restauri, venti milioni di euro spesi e qualche polemica (avrebbe dovuto riaprire nel 2013 in occasione del bicentenario).

Fu lo stesso Richard Wagner a dare il nome di Wahnfried sua villa a Bayreuth, in Germania (anche i tedeschi ci mettono più tempo del previsto con i restauri: tutto il mondo è paese!). Il nome è composto dalle parole Wahn (illusione, follia) e Fried, (pace, tranquillità) e scaturisce da una frase di Wagner che si trova sulla facciata della casa:

Hier wo mein Wähnen Frieden fand – Wahnfried – sei dieses Haus von mir benannt.
Qui, dove le mie illusioni trovano pace - Wahnfried - così chiamo la mia casa.

È a Villa Wahnfried che Wagner terminò il Crepuscolo degli Dei e lavorò al Parsifal, sua ultima opera. All'inaugurazione della rinnovata Villa Wahnfried c’erano molte personalità ma solo una parte della famiglia, da sempre divisa da guerre intestine.

Via | Ansa

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail