Anticipazioni mostre a Milano 2015: i paradisi di Gauguin al Mudec da ottobre

Il Mudec si prepara ad ospitare la retrospettiva dell'artista che ha scelto la Polinesia per un ritorno all'età dell'oro della civiltà: Gauguin

E' il 28 ottobre 2015 la data scelta dal Mudec, Museo delle Culture di Milano per inaugurare la mostra dal titolo Gauguin. Racconti dal paradiso, con 70 opere dell'artista francese. Aperta fino al 21 febbraio la mostra è prodotta da 24 ORE Cultura – Gruppo 24 Ore in collaborazione con Ny Carlsberg Glyptotek e promossa dal Comune di Milano-Cultura e da 24 ORE Cultura. Il Mudec, che si caratterizza per diffondere la cultura etnografica delle antiche civiltà di Asia, Africa, America, Oceania ed Europa, vi avvicinerà all'artista attraverso un percorso che intreccia le ricerche stilistiche (1848-1903) alle esperienze biografiche e farà emergere il suo pensiero e lo stile di vita lontano dalla cultura occidentale.

gauguin-mostra-milano105.jpg

All'immagine di Gauguin come l'artista selvaggio che lascia l'Europa in piena epoca romantica, per cercare un paradiso lontano dalla cultura del progresso occidentale, siamo ormai abituati da tempo. Complice la potenza dei suoi dipinti, delle sue xilografie delle sculture e degli oggetti decorativi che hanno reso immortali scene simboliche, ma quotidiane della vita di Tahiti. Nella mostra al Mudec saranno messi in relazione ai dipinti documenti e tutta la sua produzione artistica, ispirata dall'arte Primitiva dell'Antico Egitto, dell'india e della Polinesia, sintomo di un impeto originario dell'artista verso una forma più autentica della vita.

Fuggito dalle norme di una tradizione orientata verso la "modernità", a cui inizialmente cercò di adattarsi con la vita a Parigi con un lavoro da agente di cambio e vicino inizialmente all'arte impressionista, Gauguin gli ultimi anni della sua vita stravolge le regole facendosi guidare dai sensi e dagli studi sull'arte Primitiva. La sua pittura dal 1891 in poi, divenne stilizzata, decorativa, sintetica, ma conservò intatta l'atmosfera delle terre paradisiache in cui si rifugiò e dei soggetti rappresentati. Sempre più vicino al simbolo, che mescolava ad una religiosità misteriosa, come lo era la sua personalità, le opere del periodo polinesiano anticiparono l'espressionismo e il surrealismo, cariche com'erano di interrogativi potenti sull'esistenza.

Informazioni


Orari:

lunedì 14.30-19.30
martedì / mercoledì/venerdì / domenica 09.30-19.30
giovedì e sabato 9.30-22.30

Biglietto:
12,00 € Intero
10,00 € Ridotto

Dove:
Mudec - Museo delle Culture
via Tortona 56, Milano

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail