La passerella di Christo sul lago d'Iseo, i timori di Legambiente

In vista dell'inaugurazione si temono problemi legati alla mobilità

Alla vigilia dell'inaugurazione di "The Floating Piers", il progetto di Christo che prevede una passerella galleggiante di tre chilometri che unirà le sponde del lago d'Iseo a Montisola, ci sono alcuni timori.

Preoccupazioni legate prevalentemente al grande afflusso di pubblico previsto - si parla di circa 50mila visitatori al giorno dal 18 giugno al 3 luglio -, ed espresse dal responsabile lombardo per i Trasporti di Legambiente Dario Balotta:

"Da Iseo verso la pianura ci sarà probabilmente molta congestione automobilistica proprio perché i parcheggi richiamano tante automobili. Noi abbiamo fatto una proposta, lo abbiamo detto al prefetto: chiediamo di contingentare i flussi, non solo della passerella, ma i flussi di arrivo a Sulzano, per evitare che si creino dei colli di bottiglia"

La passerella di Christo, raggiungibile dal comune di Sulzano (che sarà interdetto alle auto), sarà visitabile 24 ore su 24 tutti i giorni.

Via | Askanews

  • shares
  • Mail