Castello di Sammezzano, il crowdfunding per tutelarlo

La campagna di crowdfunding lanciata per preservare uno dei più importanti esempi di architettura eclettica

sammenzano1.jpg

Non solo dischi, libri o film. Il crowdfunding può essere utile anche per preservare edifici storici che altrimenti rischierebbero di rovinarsi.

E’ quanto hanno pensato per il Castello di Sammezzano, nei pressi di Firenze, un edificio considerato tra i più importanti esempi di architettura eclettica d’Italia e d’Europa. Un edificio che da circa 30 anni è abbandonato e quindi in critico degrado. Non arrivando alcuna sovvenzione statale o d’altro genere, un insieme di cittadini si sono riuniti in un comitato, Save Sammezzano, lanciando un omonimo progetto di crowdfunding per raccogliere fondi necessari per ristrutturare il Castello e sensibilizzare l’opinione pubblica circa l’importanza dell’edificio.

Il comitato – formato tra l’altro anche da personalità che hanno studiato attentamente il progetto, come architetti, economisti, storici dell’arte e social media manager – ha come mission oltre la ristrutturazione dello stabile anche la sua trasformazione in area museale. La campagna di crowdfunding può essere seguita e sostenuta tramite la piattaforma Ulule: la donazione è libera e permetterà di costituire un Ente giuridico per la tutela e la fruibilità pubblica del Castello.

Il Castello di Sammezzano si trova nel comune di Reggello; in stile moresco, risale al  1605 e venne edificato dalla famiglia Ximenes D'Aragona. Adibito nel dopoguerra a hotel, dal 1999 è in stato di abbandono; nell'ottobre 2015 il castello è stato messo all'asta, ma senza alcun acquirente. I suoi interni sono stati set cinematografico di alcuni film, tra cui l'ultimo "Il racconto dei racconti - Tale of Tales", diretto da Matteo Garrone.

sammenzano2.jpg

Credits | Instagram

  • shares
  • Mail