Banksy, distrutto un murale da un milione di euro

L'opera "Spy Booth" del celebre street artist di cui non si conosce l'identità è stata distrutta durante alcuni lavori di ristrutturazione

"Spy Booth" non esiste più: il famoso murale realizzato da Banksy a Cheltenham e dedicato all'informatico ed ex tecnico della CIA Edward Snowden che nel 2013 rivelò pubblicamente i dettagli di diversi programmi di sorveglianza di massa del governo statunitense e britannico, è stato infatti distrutto nel corso di alcuni lavori di ristrutturazione dell'edificio su cui era stato dipinto.

Il lavoro però - e qui i proprietari dell'immobile si mangeranno le mani - valeva ben un milione di euro. E pensare che per tutelarlo nel 2015 il Comune aveva approvato un regolamento in modo da rendere impossibile spostamenti o modifiche senza che le autorità locali ne fossero a conoscenza.

chlt14-7.jpg

Non è la prima volta che un'opera di Banksy viene cancellata per errore: era successo anche a Bristol nel 2011, e il lavoro in questione era il Gorilla Rosa. Anche in quel caso era stata tutta colpa di un operaio 'troppo diligente'.

Foto opera "Spy Booth" | Sito ufficiale dell'artista

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail