Lo stato dell'arte della risata


Alla Hayward Gallery - a Londra-e-dove-sennò - una mostra ci apre al senso dell'umorismo internazionale solo nella provenienza, non necessariamente nella riuscita. Abbinato, al prezzo dello stesso biglietto di 7 sterline, un ricco show fotografico di Alexander Rodchenko.

"Laughing in a foreign language", fino al 15 marzo, se foste dalle parti di Piccadilly prima di Pasqua, vuole esplorare il materiale comico, nell'arte di oggi, in tutto il mondo, nei casi (molti) in cui è comico solo per quella particolare parte del mondo in cui è stato concepito.

Dunque, valigie di emigranti danesi a New York che implorano di non essere rubate; o l'installazione nota come "gag machine" dell'americano Doug Fishbone.

Ci auguriamo di vedere molti norvegesi ridere a crepapelle davanti alla performance del loro compatriota che regge due cartelli stradali che puntano in due direzioni opposte, nel piccolo polo Nord ricreato nel centro di Londra: Arte, da una parte, e Vita dall'altra.

Per veri estimatori, credo.

  • shares
  • Mail