Le ardite fantasie plastiche di Dietrich Wegner

Le ardite fantasie plastiche di Dietrich Wegner
Nuvole da sogno, con tanto di apertura e ripida scala volante per raggiungerla (da riavvolgere appena dopo l'uso, come un moderno ponte levatoio). L'interno assomiglia ad una morbidissima casa sull'albero dal solido pavimento in assi di legno, una culla-scrigno nella quale elaborare le fantasie più recondite e assecondare tutti i desideri dell'infanzia.

Perché nel mondo dell'assurdo immaginato (e costruito con soffice mousse) dall'artista australiano, classe 1978, Dietrich Wegner, è proprio questa magica stagione lontana a farla da padrone. Tra bambini ricoperti di loghi famosi e simpatiche istallazioni quasi sospese, la bruciante critica alla società dei costumi assume le forme nostalgiche di un giardino perduto... da ritrovare assolutamente!

Le ardite fantasie plastiche di Dietrich Wegner
Le ardite fantasie plastiche di Dietrich Wegner
Le ardite fantasie plastiche di Dietrich Wegner

Via | dietrichwegner.com

  • shares
  • Mail