Spiritualità e confusione in mostra a Villa Manin

What Happened to Us - 2007 - Dan Perjovschi

Villa Manin apre con il sacro la nuova stagione estiva. Il 19 aprile si inagura la mostra curata da Francesco Bonami e Sarah Cosulich Canarutto "God&Goods", un dialogo artistico sulla spiritualità e la confusione di massa.

Si tratta di una sfida di 30 artisti che si sono confrontati con il tema del dubbio, della religione e di dio, sempre rappresentati secondo le convenzioni stereotipate degli uomini. Gli autori ne danno un'interpretazione umana ma personale, meno tradizionale, alternativa, ironica, blasfema, trasversale. Non ci sono chiaramente conclusioni ma interpretazioni ad una domanda (esiste dio?) che l'uomo si pone da sempre ma che non trova risposta.

God&Goods - Villa Manin
What Happened to Us - 2007 - Dan Perjovschi

Christ You Know it Ain't Easy - 2003 - Sarah Lucas
Untitled - 2004 - Piotr Uklanski
Jesus - 1988 - Thomas Baryle

Le opere vanno dagli anni '80 fino ad oggi, con installazioni realizzate per la mostra. Dato il numero degli artisti i lavori in esposizione sono molto diversi tra loro. Sarah Lucas interpreta il crocifisso realizzando una scultura di sigarette, che pone la domanda sul significato del vizio nella nostra società. Stesso simbolo viene utilizzato da Thomas Bayrle sotto forma di collage.

4 sono gli interventi pensati per lo spazio esterno di Villa Manin, con installazioni di Maurizio Cattelan, Felix Gonzalez-Torres, Subodh Gupta e Susan Philipsz.

Gli autori presenti sono: Adel Abdessemed, Victor Alimpiev e Marian Zhunin, Darren Almond, Thomas Bayrle, Cai Guo Qiang, Mircea Cantor, Maurizio Cattelan, George Condo, Abraham Cruzvillegas, Colin Darke, Berlinde De Bruyckere, Fischl e Weiss, Katharina Fritsch, Felix Gonzalez-Torres, Subodh Gupta, Huang Yong Ping, Christian Jankowski, Koo Jeong-A, Sarah Lucas, Dan Perjovschi, Susan Philipsz, Richard Prince, Anri Sala, Nedko Solakov, Thomas Struth, Piotr Uklanski, Yan Pei Ming e Arthur Zmijewski.

La mostra è visibile dal 20 aprile fino al 28 settembre.

  • shares
  • Mail