“Arte, Ambiente, Architettura: salva l'anima del luogo”: Land Art al Furlo

land art alla riserva del furlo

“Arte, Ambiente Architettura: salva l'anima del luogo” così si intitola un importante appuntamento tutto italiano con la land art tra le pareti rocciose della splendida Riserva Naturale Gola del Furlo in provincia di Pesaro e Urbino. Si tratta di una passeggiata all'insegna dell'arte ambientale che si svolgerà nei fine settimana di settembre con orario dalle 10 alle 18, tra le bellezze naturali della suggestiva Diga del Furlo fino al borgo di Sant'Anna. In questa impressionante location della Gola, per i fortunati che possono assistere, si inaugura un cammino tra le opere d'arte inserite ad hoc nell'ambiente naturale. Una selezione di lavori creativi sospesi tra il materico, la scultura in legno, in ferro, in pietra e vere e proprie installazioni sonore e poi ancora video performances, reading di poesie, lavori in stoffa e fil di ferro, in uno spazio che apre completamente le sue porte alla più libera creatività degli artisti contemporanei di casa. Un invito non solo alla contemplazione artistica ma anche ad un momento di raccoglimento e riflessione sull'impatto dell'architettura sull'ambiente e sul rapporto tra l'identità e l'anima del luogo e lo sviluppo dell'habitat umano.

Un interessante meet up di 52 artisti per un collettivo che si riunisce in un open space a cielo aperto, visitabile fino al 30 settembre. L'evento è stato dedicato a Renato Nicolini, ed organizzato dall'abile team di architetti del paesaggio ed esperti del tema, team composto da Federica Mariani, Edoardo di Mauro curatore principale, Roberta Martufi, Riccardo Picciafuoco, Fabio Salbitano e Fabio Salbitano, ecologo del paesaggio dell'università di Firenze.

Via | Pesaro e Urbino news

  • shares
  • Mail