Grande ritorno della Porta del Paradiso del Ghiberti al Museo dell'Opera di Santa Maria del Fiore

Grande ritorno della Porta del Paradiso del Ghiberti al Museo dell'Opera di Santa Maria del Fiore

Grande ritorno della Porta del Paradiso del Ghiberti al Museo dell'Opera di Santa Maria del Fiore, l'opera infatti sarà per prima volta di nuovo visibile al pubblico a partire dal prossimo 8 settembre. Ma facciamo un passo indietro. La Porta del Paradiso è la porta est del Battistero di Firenze, quella principale situata davanti al Duomo di Santa Maria del Fiore. La grande opera di Lorenzo Ghiberti, è datata tra il 1425 e il 1452, ed è il capolavoro ante litteram del celebre scultore e orefice rappresenta il suo capolavoro ante litteram, nonché una delle opere più famose del nostro Rinascimento fiorentino.

Chiamata Porta del Paradiso narra la leggenda - e racconta nelle sue memorie il Vasari- dal visionario artista Michelangelo, che quando la vede per la prima volta esclama: «elle son tanto belle che elle starebbon bene alle porte del Paradiso». La porta del Paradiso dopo aver attraversato indenne i secoli, viene danneggiata dalla furia della natura che nel 1966 con la disastrosa alluvione non risparmia tante opere d'arte d'importanza cruciale per l'affascinante città d'arte italiana.

La potenza implacabile dell'acqua strappa via dal telaio sei dei dieci pannelli, ricollocati poco dopo, dopo un primo intervento di pulitura. Ma è in quell'occasione che gli addetti al settore si rendono conto del grave livello di corrosione dell'opera, a causa anche degli agenti atmosferici e dell'inquinamento, iniziando così la marcia del faticoso restauro.

Restauro realizzato con cura per mano dell'Opificio delle Pietre Dure di Firenze, su incarico dell'Opera di Santa Maria del Fiore. Il lungo e complesso iter per riportare al suo antico splendore la Porta del Paradiso è stato difficoltoso e pieno di insidie ma la grande opera d'arte ora è pronta per fare il suo grande ritorno sulla scena dell'arte fiorentina.

  • shares
  • Mail