MoustacheMan plagiato e la street art entra nei negozi di vestiti

La t-shirt di Zara ispirata da MoustacheMan

Dopo il danno, la beffa. Patrick Waldo, meglio conosciuto come MoustacheMan, l'artista dei baffi, era stato arrestato più di un anno fa, per aver scritto sopra alcuni manifesti pubblicitari. L'idea gli era venuta di notte, girando per la metropolitana di New York aveva visto un personaggio su un cartellone a cui sembrava fossero stati applicati dei baffi. Avvicinandosi però ha scoperto che si trattava 'semplicemente' della firma di un writer. Di lì la nascita di MoustacheMan e l'idea di apporre la propria firma proprio sopra al labbro superiore di uomini e donne protagonisti delle pubblicità. Una goliardata che evidentemente non è piaciuta molto ai brand pubblicizzati e nemmeno alla polizia, che, risalita alla sua vera identità, l'ha arrestato.
Con il tempo la sua operazione però ha cominciato ad essre replicata in maniera virale ed a vivere di vita propria. Finché altri anonimi writer applicavano i baffoni all'advertising in giro, Patrick Waldo non poteva che essere contento della validità della sua idea.


Quando però un amico ha scoperto che addirittura Zara, il famoso brand spagnolo dell'abbigliamento, se ne era impossessato senza chiedere il permesso, a Patrick si sono “drizzati i baffi”. Una t-shirt grigia messa in vendita a 16.90 dollari dove campeggia in primo piano un teschio disegnato a mano con i baffoni composti dalle nove lettere in corsivo.
Adesso Waldo è decisamente arrabbiato e si aspetta, come minimo, una buona ricompensa a livello economico. "Non sono andato in galera per vedere una catena di negozi rubare il mio lavoro". Zara non è nuova a questo genere di saccheggi, nel 2010, Betty, una fashion blogger francese, era stata letteralmente 'clonata' su un'altra maglietta in cui un suo autoscatto compariva sotto forma di disegno.

La t-shirt di Zara ispirata da MoustacheMan

La t-shirt di Zara ispirata da MoustacheMan
La t-shirt di Zara ispirata da MoustacheMan
La t-shirt di Zara ispirata da MoustacheMan

  • shares
  • Mail