I Macchiaioli della collezione Taragoni in mostra a Venezia

Mandriana trascinata da un bove infuriato - 1895/1900 - Giovanni Fattori - Collezione privata

La mostra "I Macchiaioli. Capolavori della collezione Mario Taragoni" fino al 27 luglio all'Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti, Palazzo Cavallo Franchetti, Venezia, si ricollega al collezionismo e al valore dell'arte. Si tratta infatti della collezione privata di Mario Taragoni, una delle poche dedicate all'Ottocento arrivata quasi intatta fino ad oggi, che dimostra la passione verso l'arte dell'uomo d'affari.

Taragoni raccolse questi piccoli capolavori tra gli anni trenta e gli anni settanta concentrandosi nel periodo storico del Risorgimento per amore verso quel momento e quegli autori, non pensando al valore economico delle opere. Valore che è aumentato negli anni, fino a vivere oggi un momento magico, segnato dal susseguirsi di mostre dedicate alla pittura macchiaiola e a Giovanni Fattori.

I Macchiaioli - Palazzo Cavalli Franchetti - Venezia
Mandriana trascinata da un bove infuriato - 1895/1900 - Giovanni Fattori - Collezione privata
Sosta sotto la pioggia (o Tempo di pioggia) - 1885/1890 - Giovanni Fattori - Collezione privata
Strada di paese con contadini e animali (o Sosta nella campagna romana) - 1880/1890 - Giovanni Fattori - Collezione privata

Marcatura di torelli in Maremma - 1887 - Giovanni Fattori - Collezione privata
Pattuglia - 1875 - Giovanni Fattori - Collezione privata
Rappezzatori di reti a Castiglioncello - 1870 - Giovanni Fattori - Collezione privata
Tre contadine sedute nel bosco all'ombra - 1875 - Giovanni Fattori - Collezione privata
La preghiera della sera (o L’Ave Maria) - 1875 - Giovanni Fattori
La gramignaia - 1866 - Giovanni Fattori - Collezione privata
Ritratto di Fanny Fattori (o Testa di popolana) - 1880/1885 - Giovanni Fattori - Collezione privata
La cerca - 1880/1881 - Giovanni Fattori - Collezione privata
Bambina in un bosco - 1890 - Giovanni Fattori - Collezione privata
Il buttero - 1900 - Giovanni Fattori - Collezione privata
Signora in giardino - 1883 - Silvestro Lega - Collezione privata
La signora Clementina Bandini con le figlie a Poggiopiano - 1887 - Silvestro Lega - Collezione privata

Tra gli autori selezionati Giovanni Fattori, Silvestro Lega, gli artisti preferiti dal collezionista, ma anche Signorini, Ferroni, Mario Puccini, fino ad Armando Spadini.

La mostra comprende opere assenti da anni dalla scena espositiva pubblica come "Ritratto di Signora", "Donna con scialle rosa", "La signora Clementina Bandini con le figlie a Poggiopiano" di Silvestro Lega; "La preghiera della sera", "Tempo di pioggia", "La Gramignaia" e "Sosta dei Lancieri" di Giovanni Fattori; "Il Ghetto di Firenze" di Telemaco Signorini, "Cappello di paglia" di Armando Spadini; "Vele al sole" di Mario Puccini e numerosi altri capolavori dell’ottocento toscano.

Evento Arthemisia, la mostra è nata sotto l’egida di Antonio Paolucci, che presiede il comitato scientifico composto da Silvestra Bietoletti, Josie Taragoni e Stefano Cecchetto, l’esposizione è stata sostenuta con entusiasmo dalla famiglia del collezionista che ha collaborato personalmente a ritrovare e a riunire altre opere per l’occasione della mostra.

  • shares
  • Mail