David Bowie è...una mostra a Londra per conoscerlo

david bowie is

Quando era piccolo David Bowie, vedendo sua cugina ballare con una musica di Elvis Presley affermò di voler diventare l'Elvis britannico. E a giudicare dai suoi 36 anni di carriera può dire di avercela fatta. Chi lo ricorda nel film Labyrinth (Dove Tutto è Possibile) del 1986, potrà pensare che per lui davvero tutto sia stato possibile come in una bella favola. A Londra, la città che l'ha seguito nei suoi successi (e anche qualche ostacolo) gli dedicherà dal 23 Marzo 2013 una grande retrospettiva al Victoria & Albert Museum dove sotto lo stesso tetto di Botticelli e Michelangelo si potranno vedere riuniti più di 300 oggetti delle collaborazioni artistiche del cantante.

Testi scritti a mano, costumi originali, fotografie, copertine di album, scenografie, film: il body del personaggio Ziggy Stardust (1972) disegnati da Freddie Burretti, le fotografie di Brian Duffy,le copertine degli album da Guy Peellaert e Edward Bell, estratti visivi di film e performance dal vivo tra cui L'uomo che cadde sulla Terra del 1976, che lo consacrò come attore, saranno esposti alla stregua delle più famose opere d'arte.

David Bowie è sarà il titolo della mostra, completare la frase invece il compito dei visitatori che immagino un pò in difficoltà nel trovare un solo aggettivo che descriva l'istrionico artista. David Bowie nella sua vita ha collaborato con designer e artisti, attori e sceneggiatori creando non solo musica, ma vere e proprie opere a tutto tondo. Famosa la collaborazione con Lou Reed e Andy Warhol da cui imparò a gestire la propria immagine mediatica e a relazionarsi con il mondo del consumismo, che confonde il ruolo tra artista e opera d'arte.

La sua immagine, androgina e trasgressiva ha rappresentato un inconfondibile segno di ricononoscimento arrivata fino ad oggi senza tramontare mai.

david bowie is david bowie is david bowie is david bowie is

Foto| Dal sito del Victoria Albert Museum

  • shares
  • Mail