Canaletto e Bellotto. Un confronto di vedute in mostra a Palazzo Bricherasio

Venezia: Campo San Stin - Bellotto - Londra, Penrhyn Castle, The Douglas Pennant Collection (National Trust)

Per la prima volta a confronto le opere di Antonio Canal, detto il Canaletto e del nipote e allievo Bernardo Bellotto nelle sale di Palazzo Bricherasio, Torino, in mostra fino al 15 giugno.

"Canaletto e Bellotto. L'arte della veduta" è un percorso dedicato al rapporto artistico tra i due maestri, uno dei più affascinanti del settecento. Grazie alla disposizione delle opere, esposte insieme per la prima volta e affiancate le une alle altre, sarà possibile fare un paragone tra stili, tecniche e personalità degli autori.

L'introduzione della mostra è rappresentata dalle tele di Canaletto considerate formative per lo sviluppo di Bellotto, e sono costituite da due vedute di Venezia che provengono dalle collezioni reali inglesi. A queste si contrappongono le vedute veneziane dell'allievo. La maggior parte di questi dipinti è stata tradizionalmente attribuita a Canaletto, mentre solo di recente sono stati riconosciuti come opera di Bellotto.

Canaletto e Bellotto. L\'arte della veduta - Palazzo Bricherasio - Torino
Venezia: Campo San Stin - Bellotto - Londra, Penrhyn Castle, The Douglas Pennant Collection (National Trust)
Old Walton Bridge - 1754 - Canaletto - Londra, Dulwich Picture Gallery
Capriccio: due ponti e la Torre di Ezzelino - Bellotto - Londra, Victoria and Albert Museum

Capriccio: Rovine su un ponte dalla Laguna - Canaletto - Londra, Victoria and Albert Museum
Venezia: Il Canal Grande a Venezia  con San Simeone Piccolo - Canaletto - Londra, The National Gallery
Venezia: Il Canal Grande con le chiese di Santa Croce e Santa Lucia - Bellotto - Londra, The National Gallery
Venezia: il Bacino di San Marco dalla Piazzetta - Collezione privata
Il Canal Grande da Palazzo Flangini fino a San Marcuola - Canaletto - Londra, Moretti Fine Art
Roma: Santi Domenico e Sisto - Canaletto - Londra, The Royal Collection
Warwick Castle, la facciata orientale dal cortile - Canaletto - Birmingham, Museum & Art Gallery
Dresda dalla riva destra dell’Elba a monte del Ponte di Augusto - Bellotto - Collezione privata
Venezia: il Canal Grande verso nord-est con il Ponte di Rialto ed il Palazzo Dolfin-Manin - Bellotto - Amsterdam, Rijksmuseum
Veduta del Canal Grande con i Palazzi Foscari e Moro Lin - Bellotto - Stoccolma, the National Museum of fine Arts
Venezia: Il Canal Grande dalla Basilica della Salute verso la Carità - Canaletto - Londra, The Royal Collection
Venezia: Il Canal Grande dai Palazzi Foscari e Moro Lin, verso la Carità - Canaletto - Londra, The Royal Collection
Piazza Santa Maria Formosa - Bellotto - Collezione privata
Roma, Rovine del Foro - 1743 - Bellotto - Melbourne, National Gallery of Victoria

L'indipendenza di Bellotto e la formazione di uno stile risale al 1742, anno del suo viaggio a Roma. Alle vedute romane è quindi riservata un'attenzione particolare nell'esposizione proprio per questa ragione. Seguono poi le vedute di Lucca, Firenze, Torino.

Negli anni successivi si spostano entrambi all'estero, Canaletto a Londra e Bellotto prima a Dresda e poi a Vienna, Monaco e Varsavia. Mentre il primo sviluppa negli anni una visione decorativa e rococò, Bellotto tende al realismo interessandosi alla natura e al paesaggio. La mostra comprende opere che riguardano anche il periodo della maturità e quello dei capricci. A completare i 50 disegni che si ricollegano alla fase preparatoria di molti dipinti e le acqueforti.

Curata da Bożena Anna Kowalczyk, uno dei massimi esperti del vedutismo veneziano, la mostra comprende opere provenienti dalle collezioni di importanti musei e privati.

  • shares
  • Mail