Il colpo di testa di Zidane spunta davanti il Beaubourg


Se pensavate che si trattasse solo di una brutta storia destinata ad essere dimenticata in fretta, vi toccherà rassegnarvi. Perché il più famoso dei "colpi di testa" degli ultimi anni, quello inferto dal calciatore francese Zinedine Zidane all'italiano marco Materazzi, durante la finale dei Mondiali 2006, che era già stato trasformato in opera d'arte esposta alla galleria newyorkese David Zwirner, è stato declinato in una versione gigante collocata nella piazza di fronte il Centre Pompidou di Parigi.

La monumentale statua in bronzo rappresentante l'accaduto e realizzata dall'algerino Adel Abdessemed troneggia nello spazio antistante uno dei più importanti e conosciuti musei d'arte contemporanea al mondo. Un lavoro di cinque metri d'altezza che pesa più tonnellate e resterà sul luogo fino alla fine dell'esposizione delle opere dell'artista prevista per il sette gennaio 2013. Il significato della rappresentazione emerge nelle parole del curatore Philippe Alain Michaud:

La statua si oppone alla tradizione che consiste nella realizzazione di monumenti che onorano le vittorie, mentre questo lavoro è un'ode alla disfatta. L'opera di Adel si situa spesso su un doppio registro, nonostante riprenda un evento popolare, conosciuto da tutti e immediatamente identificabile, si tratta anche di un'allusione al realismo e agli affreschi di Masaccio. Lo sguardo di Zidane verso il suolo ci rimanda a quello di Adamo, cacciato dal paradiso.

Via | lemonde.fr

  • shares
  • Mail